Aiuto
Menu

Colori a tempera

Colori a tempera: guida all'acquisto

L'utilizzo di colori a tempera ad oggi rappresenta senza dubbio la migliore soluzione artistica adatta a chi desidera sfruttare un'ottimale copertura della tela, ottenendo un risultato finale lucido e quanto più omogeneo possibile. La pittura a tempera ha origini antiche, risale addirittura all'epoca preistorica, dove il pigmento presente veniva applicato semplicemente utilizzando i polpastrelli o mediante attrezzi elementari.

Per secoli ha rappresentato dunque la sola tecnica impiegata dai pittori, complice la densità ideale del colore stesso che consente di dipingere facilmente su superfici differenti, dalle tele convenzionali alle tavole da disegno, fino ad arrivare alle pareti murarie, al legno o ancora alla pietra, il tutto avvalendosi semplicemente di un pennello dalle setole rigide o più morbide, in funzione dell'effetto da ottenere. La scelta è in questo caso puramente soggettiva, poiché a influire è semplicemente il soggetto da riprodurre, tuttavia alcuni consigli e suggerimenti potranno rivelarsi utili nella selezione dei colori a tempera professionali più adatti.

Colori a tempera caratteristiche

I colori a tempera sono essenzialmente caratterizzati da tre elementi: il legante, il seccante e i pigmenti. Il legante consente di creare una  vera e propria patina protettiva sulla superficie dipinta che promuove la perfetta adesione del colore mentre l’elemento seccante permette che il colore asciughi in tempi più rapidi. I pigmenti invece sono particelle che contribuiscono a caratterizzare il colore conferendo una maggiore corposità. Essi rappresentano la componente principale del colore stesso e per questo occorre prestare attenzione a una serie di dettagli che fanno si che la tempera risulti maggiormente performante.

I pigmenti devono presentare una specifica opacità per risultare coprenti unitamente ad un'elasticità tale da consentire l'utilizzo di una modesta quantità di colore per ricoprire una superficie anche di dimensioni piuttosto ampie. Non secondarie anche la durata e la resistenza alla luce, al tempo e agli agenti atmosferici che possono a lungo termine pregiudicare la resa stessa del colore.

Composizione dei colori a tempera

La composizione dei colori a tempera è piuttosto complessa: il pigmento viene mescolato con acqua distillata e agglomeranti differenti quali ad esempio l'albume d'uovo, il latte di fico, cera e colle che contribuiscono a non creare sbavature antiestetiche nel momento stesso in cui il colore viene applicato alla superficie scelta e a non miscelare tra loro le varie tonalità durante l'uso. Dosare i pigmenti nella maniera ottimale e secondo un corretto equilibrio, influisce dunque sulla qualità del colore: se la quantità di pigmenti utilizzata è inferiore rispetto a quella dell'acqua si otterrà un risultato tenue e slavato simile agli acquerelli.

Al contrario se la presenza di acqua risulta minima e prevale la quantità di pigmenti, il colore risulterà compatto e una volta steso e asciugato tenderà inevitabilmente a screpolarsi. La differenza che intercorre tra tempere e acquerelli è data appunto dalla densità e dalla coprenza del colore: per creare sfumature apprezzabili è pertanto necessario lavorare il colore velocemente quando è ancora fresco, tendendo sempre conto della volubilità del colore da fresco ad asciutto.

Tipi di colori a tempera

Sono molteplici le tipologie di tempere disponibili sul mercato: eccole nel dettaglio, distinte secondo le peculiari caratteristiche.

  • Colori a tempera a base di cera: risalgono all'epoca medioevale e vedono protagonista un colore denso, corposo, elastico, coprente e particolarmente resistente all'umidità.
  • Colori a tempera a base di colla: impiegati solitamente per la decorazione delle pareti, conferiscono tonalità luminose sebbene una volta asciutti risultino piuttosto fragili e avvezzi a caratterizzare macchie di colore. Sono indicati per realizzare opere pittoriche di dimensioni ridotte, possono determinare variazioni cromatiche considerevoli una volta asciutti e vengono preparati miscelando colle e pigmenti in acqua calda.
  • Colori a tempera a base di uovo: utilizzati dai pittori del '400, sono realizzati miscelando i pigmenti colorati all'uovo che in questo modo origina un prodotto adatto a dipingere qualsiasi superficie, risultando estremamente versatile. I colori in questo caso possono essere costituiti dal rosso d'uovo, che contribuisce a renderli molto resistenti all'umidità, o dall'albume, adesivo e impermeabile e altrettanto resistente, anche se in questo caso più avvezzi a screpolature e macchie di colore e quindi più indicati per piccole superfici.

Colori a tempera vendita online

Questi colori possono essere acquistati facilmente online nel nostro marketplace, che propone prodotti dedicati alle belle arti o al fai da te e dispone di una vasta gamma di tempere e colori in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza.

Colori a tempera prezzi

I prezzi dei colori a tempera variano molto in funzione delle caratteristiche del prodotto scelto, del marchio e delle caratteristiche della composizione. Meglio tuttavia non considerare troppo il risparmio se si desiderano ottenere ottimi risultati in termini di durata, resa cromatica ed effetto finale sulla superficie scelta.

LoginAccount
Torna su
Cookie Image