Aiuto
Menu

Quale barbecue comprare: come scegliere tra i tipi disponibili

Quale barbecue comprare: come scegliere tra i tipi disponibili

Scegliere il barbecue più adatto alle proprie esigenze può essere complicato, non tanto perché sia difficile trovare quello migliore per noi ma perché le opzioni di scelta sono tantissime e la paura di non compiere quella corretta può prendere il sopravvento. Vediamo di mettere un po' di ordine riguardo tutti i dubbi che possono sorgere quando ci domandiamo quale barbecue comprare.

Barbecue quale scegliere

Per capire quale barbecue comprare dobbiamo fare una prima selezione in base al luogo in cui abbiamo intenzione di cucinare. Dal cucinare in casa piuttosto che all'aperto o in terrazza dipende quale barbecue scegliere, e le cose cambiano ulteriormente se vogliamo una postazione fissa oppure se vogliamo la possibilità di riporlo al coperto, o addirittura di portarlo in campeggio o in una gita fuori porta. Esistono barbecue a carrello, che possono essere spostati agevolmente nei punti più comodi del giardino, utile se si vuole cucinare all'aperto e poi riporre la griglia al coperto. Se abbiamo necessità di portare fuori casa il nostro barbecue, possiamo optare per un modello portatile: normalmente sono ripieghevoli o facilmente smontabili e rimontabili, anche se normalmente hanno dimensioni più ridotte.

Se abbiamo un adeguato spazio all'esterno, il barbecue in muratura può essere un perfetto acquisto che va ad arricchire l'arredamento del giardino, del cortile o del patio. Esistono vari tipi di barbecue prefabbricati o venduti con semplici kit di montaggio che possono adattarsi nella maniera migliore allo stile dei nostri arredi esterni. Quello in muratura normalmente è un barbecue a carbone o a legna, ma può anche essere adattato per ospitare impianto a gas oppure elettrico. È comodo e ideale per un uso frequente perché è molto resistente.

Come scegliere il barbecue ideale tra quelli a legna, carbonella, a gas o elettrico? Vediamo subito i pro ed i contro di ogni tipologia.

Barbecue a carbonella o a legna

La carne il pesce cotti alla brace hanno un sapore affumicato unico e inconfondibile. La cottura più lenta mantiene la carne più morbida e succosa, quindi sicuramente è la soluzione più indicata per i "puristi" della griglia. In genere il barbecue a legna è più economico rispetto a quello a gas. Sono semplici da montare dal momento che non hanno bisogno collegamenti al gas o alle prese elettriche, ma bisogna sempre avere a disposizione la legna o la carbonella.

Inoltre bisogna sempre fare i conti con i tempi necessari all’accensione del fuoco, perché prima di mettere il cibo sulla griglia bisogna attendere che la carbonella o la legna raggiungano la giusta temperatura. Nel barbecue a legna la temperatura non è regolabile e la cottura dipende moltissimo dalla bravura e dall'esperienza del cuoco. La pulizia del barbecue a legna al termine della cottura richiede un tempo maggiore rispetto al gas, perché oltre ad eliminare i residui del cibo sulla griglia è necessario rimuovere le ceneri e pulire bene il barbecue. Di conseguenza possiamo dire che è più indicato per chi ha la passione della cottura alla brace e ed è sempre ben disposto a dedicarci tutto il tempo necessario per ottenere un buon risultato. 

Barbecue a gas

I barbecue a gas sono proporzionalmente più costosi di quelli a legna o carbonella perché generalmente sono prodotti in acciaio. Inoltre la sostituzione di pezzi come valvole e regolatori può comportare altri costi nel tempo. Rispetto ai barbecue a legna, presentano il vantaggio che una volta accesi è possibile iniziare immediatamente a cuocere. Inoltre è possibile regolare l'intensità della fiamma controllando meglio la cottura. Producendo poco fumo e e non essendoci cenere, la cottura è più pulita e alla fine il barbecue è più semplice da pulire.

Normalmente i bruciatori surriscaldino una piastra in ghisa o di pietra lavica, sopra la quale si trova poi la griglia di cottura. Le piastre in pietra lavica simulano il metodo di cottura del barbecue a carbonella rendendo il cibo più saporito, ma bisogna attendere che la piastra si surriscaldi almeno una decina di minuti prima di iniziare la cottura e mantenere sempre la fiamma alta, per evitare di lessare la carne. L'assenza dei fumi causati dalla combustione di legna o carbonella limita notevolmente l'assunzione di sostanze nocive.

Barbecue elettrico

Tipologia più economica del lotto, anche se comportano un grande consumo di energia elettrica, producono pochissimi odori e fumi, tanto che si possono anche utilizzare in casa. Il risultato è decisamente diverso dal punto di vista del sapore del cibo, ma hanno anche il vantaggio di essere molto compatti e di facile trasporto. Adatti per un utilizzo domestico e per poche persone, necessitano solo di una presa di corrente per funzionare e sono di facile pulizia. Difficilmente soddisfa un vero appassionato di barbecue che preferirà altre soluzioni, come scegliere un barbecue a legna, ma può tornare utile come griglia "di supporto" ad un barbecue più grande nel caso si abbiano tanti invitati e si vuole procedere con due cotture separate di diverse pietanze.

Vai all'articolo precedente:Come potare i kiwi: tecniche, attrezzatura e periodo migliore
Vai all'articolo successivo:Fiori di gennaio: esplosioni di colore in giardino e sul balcone
LoginAccount
Torna su
Cookie Image