Aiuto
Menu

Come sostituire saliscendi doccia in modo facile e veloce

Come sostituire saliscendi doccia in modo facile e veloce

Quando si ristruttura un bagno, la doccia è probabilmente il fulcro centrale della nostra voglia di cambiamento. Senza andare a modificare radicalmente la struttura, molto spesso per rinnovare gli ambienti della nostra casa bastano delle piccole modifiche, che migliorano la nostra percezione degli ambienti domestici.

Se parliamo di doccia, e non vogliamo avventurarci in opere invasive e costose, per dare una nuova vita a questo ambiente basterà cambiare il soffione e il relativo saliscendi della doccia. Sostituire il saliscendi della doccia infatti ci fornirà un nuovo aspetto all'interno del nostro bagno e, con una spesa contenuta, riusciremo ad avere un risultato senza dubbio soddisfacente. Inoltre, l'operazione in sé non è nemmeno troppo complicata, ed ora andremo brevemente a vedere come montare un saliscendi doccia in maniera veloce e senza problemi.

Sostituire saliscendi doccia: tutte le fasi da seguire

La sostituzione saliscendi doccia è una operazione abbastanza semplice da eseguire. Non dovremo toccare l'impianto d'acqua del nostro bagno, né modificarlo in alcun modo, in quanto tutte le tipologie di saliscendi che si trovano in commercio sono provviste di attacchi universali per l'approvvigionamento d'acqua. Molti ancora sono delle semplici aste con il montaggio del soffione doccia a parte. Di conseguenza basterà seguire delle semplici regole che ci guideranno, passo dopo passo, nel cambiare il saliscendi della doccia del nostro bagno.

Come smontare saliscendi doccia

La prima cosa da fare, anche se sembra ovvio dirlo, è rimuovere il saliscendi in uso per fare spazio a quello nuovo. L'operazione è banale nell'esecuzione, ma ci consentirà di avere a disposizione delle informazioni importanti riguardo la scelta del nuovo prodotto da installare.

Per prima cosa, come sempre quando si opera su accessori da bagno, il consiglio è quello di chiudere momentaneamente i rubinetti che portano l'acqua, in modo da evitare il pericolo di allagamento se qualcosa dovesse andare per il verso sbagliato. Una volta fatta questa operazione, si possono rimuovere i tappi che nascondono le viti poste sull'asta del nostro saliscendi. A questo punto, con l'ausilio di un avvitatore elettrico, possiamo svitare il fissaggio del nostro vecchio saliscendi per rimuoverlo dalla parete.

Attenzione in questo passaggio: un consiglio importante potrebbe essere quello di misurare la distanza dei vari fori, che solitamente sono 4 per ogni asta di saliscendi. Questo potrebbe essere utile in fase di scelta del nuovo saliscendi, perché acquistandone uno con le medesime misure si potrebbe evitare un passaggio di copertura dei fori precedenti, che rischia di lasciare segni antiestetici sulla parete del nostro bagno.

Altezza saliscendi doccia

Ora che abbiamo visto come smontare il saliscendi della doccia, e soprattutto quali informazioni trarre dal prodotto che stavamo utilizzando, è bene fermarsi per ragionare sulla caratteristica decisiva del saliscendi, cioè l'altezza.

In linea di massima il parametro dell'altezza può essere in qualche maniera copiato da quello del vecchio saliscendi, ma qualora avessimo necessità differenti, è buona norma dare una regola generale per la misura dell'altezza su una nuova installazione.

Per trovare la giusta altezza è necessario misurare con attenzione, tenendo come riferimento la parte più alta del saliscendi, quella cioè dove è posto il limite massimo per il posizionamento del soffione. Di norma questa misura si attesta tra i 200 e i 220 cm di altezza. Pertanto per fissare l'asta del nuovo saliscendi la regola d'oro è quella di misurare 220 cm al massimo dalla sua parte superiore fino al piatto doccia. Tenendo quello come riferimento non sbaglieremo l'altezza e avremo sempre una doccia confortevole e perfetta.

Fissare saliscendi doccia

Per ultima la parte conclusiva del nostro lavoro per una doccia dall'aspetto nuovo. Come abbiamo detto, montare il saliscendi doccia non sarà un'operazione complicata e richiederà davvero pochissimo tempo per essere eseguita perfettamente.

Per prima cosa, occorre vedere se i fori del nuovo prodotto combaciano con quelli del saliscendi che andiamo a sostituire. Se così non fosse, la prima cosa da fare è coprire i buchi preesistenti con dello stucco adatto al tipo di ambiente umido come quello della doccia.

Una volta fatta questa operazione dobbiamo misurare l'interasse tra i fori con attenzione. I saliscendi più comuni presentano 2 fori, al massimo 4, posti nella parte superiore ed inferiore dell'asta. Una volta prese le misure, potremo iniziare a praticare i fori sul muro con l'ausilio di un trapano, e dopo aver inserito i tasselli forniti in dotazione nel kit del saliscendi potremo passare al montaggio saliscendi doccia vero e proprio.

A quel punto, dopo essersi assicurati della stabilità della struttura, potremo installare il porta soffione, che consente lo scorrimento lungo tutto l'asta grazie ad un blocco a pressione che il più delle volte è regolabile in altezza, svitando ed avvitando la componente che sostiene il soffione.

Per ultimo colleghiamo l'estremità bassa del soffione all'impianto d'acqua e, dopo una prima prova di funzionamento, potremo goderci la nostra nuova doccia.

Vai all'articolo precedente:Come installare una stufa a pellet?
Vai all'articolo successivo:Impianto di riscaldamento a pavimento: come farlo e quanto costa
LoginAccount
Torna su
Cookie Image