Aiuto
Menu

Come piastrellare un bagno: idee, materiali, colori

Come piastrellare un bagno: idee, materiali, colori

Scegliere come piastrellare un bagno è importante per ottenere un effetto finale perfetto e in linea con le proprie aspettative. Ad incidere nel risultato, tuttavia, sono anche i materiali scelti, i colori e gli accostamenti, e alcune idee originali che di certo contribuiscono a rendere il bagno ancora più bello. Ecco allora alcune idee su come piastrellare il bagno.

Come rivestire un bagno

Per rivestire un bagno e creare qualcosa di sicuro effetto bisogna prima di tutto partire dalla scelta delle piastrelle. I rivestimenti devono garantire sia funzionalità che estetica e bisogna ricordare nella scelta che le piastrelle per il pavimento del bagno non devono essere scivolose. La gamma di formati disponibili è ampia e si va dalle piastrelle di formato più piccolo a quelle più grandi, attualmente di tendenza, ma che tuttavia sono indicate per bagni di grandi dimensioni.

Altrettanto ampia è la scelta dei materiali. Negli ultimi anni uno dei più gettonati è il gres porcellanato, materiale resistente e di grande impatto estetico. Altra tipologia molto diffusa è il klinker, materiale particolarmente durevole nel tempo e anche questo molto ricercato per realizzare bagni originali. Altri materiali ideali per il bagno sono anche il cotto, la ceramica, e il marmo, anche questo fra i materiali più pregiati per realizzare un bagno di alto valore.

Come posare le piastrelle del bagno

Come posare le piastrelle in bagno? Non basta scegliere la tipologia di piastrella desiderata, che può essere cotto, gres porcellanato, ceramica, marmo lucido, o qualche altro materiale di tendenza, ma bisogna tenere in forte considerazione la posa piastrelle bagno. La scelta della posa piastrelle pavimento bagno incide infatti su quello che sarà il risultato finale di tutto l’ambiente.

Se si desidera un pavimento semplice allora la scelta ideale è la posa lineare, che è anche quella più classica. Se si desidera qualcosa di più movimentato si può scegliere la posa a spina, oppure quella sfalsata, che si può realizzare con o senza fuga.

Per dare maggiore dinamicità al bagno si possono anche mescolare listelli di misure differenti, e realizzare qualcosa di unico ed esclusivo. E’ comunque importante affidarsi ad un piastrellista professionista, che sappia consigliare il miglior tipo di posa in relazione allo spazio della stanza da bagno e all’organizzazione dei sanitari.

Riguardo alla scelta dei colori bisogna anche tenere conto del tipo di illuminazione naturale e artificiale che vi è nella stanza e tenere in considerazione che i colori chiari ingrandiscono l’ambiente mentre i colori scuri riducono lo spazio in quanto assorbono luce.

Inoltre, altro dettaglio da tenere in considerazione sono le quadrettature, che allargano e allungano, mentre le righe orizzontali allargano lo spazio e quelle verticali lo allungano.

Come scegliere piastrelle e rivestimenti per il bagno

Come mettere le piastrelle in bagno

Per posare le piastrelle in bagno bisogna prima di tutto accertarsi che la superficie da piastrellare sia ben pulita e che sia già presente il massetto in cemento. Proseguire quindi preparando una miscela con acqua e malta dalla giusta consistenza e poi, aiutandosi con una corda marca linee e una squadra tracciare una linea nella stanza che permetta di posizionare le piastrelle in maniera dritta.

Iniziare la posa partendo dalla parete e posando la prima piastrella nell'angolo più distante della stanza, poi proseguire verso la porta. Procedendo nella posa delle piastrelle alcune di esse dovranno essere tagliate, in particolare quelle che devono essere inserite nella linea del pavimento che va verso le pareti. A questo punto bisogna misurare, tagliare le piastrelle e incollarle con la malta.

Una volta finito il lavoro bisogna attendere almeno 24 ore prima di camminare sul pavimento. La posa piastrelle rivestimento bagno può essere fatta anche sulle piastrelle precedenti, senza toglierle, ed è sufficiente incollarvi sopra quelle nuove.

Piastrellare il bagno fino a che altezza

Non esiste nessuna regola specifica sull’altezza delle piastrelle posizionate alle pareti del bagno, ma in genere si attesta attorno ai 120/150 centimetri. Tuttavia, alcuni preferiscono piastrellare le pareti all’altezza della porta, il che ovviamente vuol dire anche un maggiore costo delle piastrelle. Questa ultima soluzione è ideale soprattutto in locali di grandi dimensioni, mentre per bagni più piccoli è decisamente consigliata la massima altezza di 140 centimetri.

Idee per piastrellare il bagno

Fra le idee più innovative per piastrellare il bagno troviamo il mosaico, da utilizzare per realizzare composizioni particolari alle pareti. Altra soluzione innovativa sono le piastrelle con pattern originali e decorativi, in grado di creare effetti particolarmente suggestivi e valorizzare anche un bagno molto semplice.

Ma come abbinare le piastrelle del bagno per ottenere un risultato vincente? Una fra le combinazioni di sicuro effetto prevede l’abbinamento delle piastrelle bianche disposte secondo un pattern geometrico ad un rivestimento effetto legno nel vano doccia, che mette in risalto la zona lavabo monocromatica.

Di grande effetto è anche l'alternanza tra bianco e nero, in cui il pavimento nero diventa protagonista dell'ambiente, sul quale spiccano i sanitari, mentre alle pareti viene creato un gioco di mattoni black and white.

Vai all'articolo precedente:Come realizzare un piatto doccia in mosaico
LoginAccount
Torna su
Cookie Image