Aiuto
Menu

Come installare una stufa a pellet?

Come installare una stufa a pellet?

La stufa a pellet ha riportato in auge un classico dell'arredo di tipo rurale, quello del focolare attorno al quale tutta la famiglia si riunisce. Inoltre la stufa a pellet è scelta molto spesso anche per la sua elevata efficienza e per il fatto di essere a basso impatto ambientale, utilizzando come combustibile lo scarto di lavorazione del legno. Ma come si installa una stufa a pellet all'interno della propria abitazione, e quali differenze nell'installazione troviamo tra le varie tipologie?

Come montare una stufa a pellet nella propria casa

Per decidere se avvalerci di questo sistema di riscaldamento dovremo valutare la situazione esistente della nostra casa. Facciamoci delle semplici domande per capire come installare stufa a pellet in maniera corretta, rispettando le norme vigenti e rendendo tutto il sistema efficiente al massimo.

Stufa a pellet in condominio

In primis dovremo stabilire se la stufa va inserita in un contesto condominiale o in una casa singola. Se si tratta di un appartamento inserito in un condominio le normative per la gestione dei fumi di scarico prodotti dalla stufa sono leggermente più stringenti, poiché si dovrà per forza collegare l'impianto alla canna fumaria condominiale.

Se decidiamo di installare la stufa in una posizione non agevole per il raggiungimento della canna fumaria, avremo dei seri problemi per la collocazione del nostro impianto. Inoltre se il condominio non presenta alcuna canna fumaria che serve i diversi appartamenti (pensiamo al caso dei condomini con riscaldamento centralizzato) ecco che per installare la stufa si dovrà sostenere anche la spesa per la costruzione di una canna fumaria esterna.

Installazione stufa a pellet su casa singola

La situazione è decisamente migliore se decidiamo di installare questo sistema di riscaldamento su una casa singola. In molti casi, soprattutto quando si affronta la ristrutturazione delle vecchie case, troveremo una parte dove inizialmente era previsto il camino. Ecco che in quella nicchia l'installazione è perfetta, perché troveremo già lo spazio pronto e anche l'impianto per il tiraggio dei fumi sarà già impostato.

Montaggio stufa a pellet

Ora che abbiamo visto la prima discriminante sull'installazione della stufa, vediamo anche nel dettaglio quali sono i passaggi per montarla correttamente. Per capire come si monta una stufa a pellet la prima cosa da considerare è che questa avrà necessità di essere collegata a due fori che vanno verso l'esterno.

Il primo foro sarà quello deputato al rilascio dei fumi conseguenti alla combustione del legno all'interno della stufa, e come abbiamo visto dovrà connettersi con la canna fumaria della stufa. Senza questo collegamento il nostro impianto di riscaldamento a pellet non sarà a norma, quindi massima attenzione in questo particolare. Il consiglio è sempre quello di affidarsi ad un tecnico che conosca le leggi in materia in maniera impeccabile.

Il secondo foro da praticare sarà invece quello relativo al raccoglimento dell'aria da parte dell'impianto. Infatti per favorire e dare vita alla combustione, la stufa necessita di aria, e senza questa il processo che garantisce il riscaldamento non potrebbe avvenire.

Queste sono le due uniche operazioni fondamentali da eseguire per avere la propria stufa funzionante. Per il resto, la stufa viene venduta già montata in tutte le sue parti e quindi una volta portata a casa si dovrà solo scegliere il posto più adatto, quello cioè in cui il riscaldamento della casa avverrà in maniera più efficace.

Riguardo alle normative e al funzionamento della stufa esistono però due varianti che possono aiutare anche chi non possiede un'abitazione perfettamente adatta all'utilizzo della stufa a pellet. Vediamo brevemente quali sono.

Come installare una stufa a pellet senza canna fumaria

Questa variante della stufa a pellet farebbe pensare alla possibilità di installare l'impianto senza collegamento ad una zona di scarico fumi. In realtà non è così, e questo tipo di stufa, esattamente come tutto ciò che genera una combustione, deve necessariamente avere uno scarico. Semplicemente questa versione non è provvista di una canna integrata nella stufa, e basterà collegare l'impianto con un buco sul muro del diametro di 8 cm ad una canna fumaria esterna già esistente. Non andando verso l'alto, il tiraggio dei fumi è garantito da una ventola elettrica. Pertanto questo tipo di stufa funziona solo con la corrente elettrica e senza questa non è utilizzabile.

Come installare una stufa a pellet idro

Questo tipo di stufa ha la particolarità di riscaldare l'acqua dell'impianto anziché produrre aria calda. Pertanto, oltre ai due collegamenti per i fumi e per la combustione descritti in precedenza, questo tipo di stufa dovrà anche essere collegato all'impianto esistente per consentirgli di scaldare l'acqua presente nel circolo dell'impianto. Questa stessa acqua sarà poi quella che scorrerà nei termosifoni, e nei casi di stufa più potente fornirà anche l'acqua per utilizzo sanitario. Attenzione però che in quest'ultimo caso la portata potrebbe non essere sufficiente, quindi il consiglio è quello di abbinarla comunque ad un boiler.

Vai all'articolo precedente:Come cambiare il flessibile della doccia in poche e semplici mosse
Vai all'articolo successivo:Come sostituire saliscendi doccia in modo facile e veloce
LoginAccount
Torna su
Cookie Image